Categoria Pittura e Imbiancatura

admin

Le stagioni giuste per imbiancare la casa sono la primavera e l’estate, questo perché la temperatura è più elevata, infatti ogni tipo di pittura necessitata di almeno 5°c per aderire meglio alla parete.

Ad ogni esigenza risponde un diverso tipo di pittura. La pittura che usiamo in salotto non va bene per bagno, perché le pareti del bagno hanno esigenze diverse rispetto a quelle del salotto o delle camere.

Vediamo nel particolare quali tipi di pitture sono più adatta ad ogni ambiente.

  • Pitture traspiranti, con questo tipo di pittura il muro respira. Permette all’aria e alla condensa che si forma nella stanza di fuoriuscire, è consigliata per bagni e cucine. Queste pitture si dividono in 2 categorie
  • Pitture lavabili, questo tipo di pittura è resistente all’abrasione a secco, è resistente a piccoli pulizie tramite sfregamenti a secco. Non intervenire ne con panno bagnato ne con spugna bagnata, il panno umido potrebbe danneggiare la tinteggiatura.
  • Pitture con smalto murale, questa tinteggiatura non ha paura della spugna bagnata, si consiglia di non sospendere la tinteggiatura della parete senza averla finita, perché il risultato non è ottimale.  Viene usato attorno alla zona cottura e nelle pareti dove giocano i bambini, ho trattato la camera dei bambini in un articolo: “la camera dei bambini“.
  • Pitture antimuffa, anti-condensa è un particolare tipo di pittura mirato alleproblematiche della formazione di muffa dovuta alla condensa. Questo tipo di pitture ha una composizione chimica che permette di mantenere  le pareti fredde ad una temperatura che al tatto si avverte leggermente più calda,  questo fa si che si eviti lo sbalzo termico che forma condensa tra aria calda e pareti fredde.

Imbiancare casa è un lavoro che gli amanti del fai da te fanno da soli, se anche tu sei un amante del fai da te ricordati bene che è importante chiedere informazioni ad un espertoprima di decidere quale tra questi tipi di pitture adoperare, è importante conoscere ciò che è più consono per le tue pareti  le esigenze dei vostri muri, prima di pitturare è importante dareuna mano di aggrappante per far aderire meglio la tinteggiatura alle pareti. 

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

Lorenzo Giorgetti

Quando si tratta di ridare vita alla tua casa, allora l'imbiancatura e il segnale più evidente dell'inizio del rinnovamento che si sta perseguendo. E proprio per questo motivo è un lavoro che richiede una buona preparazione, sia per quanto riguarda la metodologia di lavoro che il materiale da utilizzare. Se poi decidete di utilizzare un imbianchino professionista, allora vi conviene affrontare la scelta con metodo, in modo da poter selezionare la migliore risorsa ai fini del progetto che avete in mente.

Non essendoci una regolamentazione specifica al riguardo, si possono assumere anche imbianchini con scarsa esperienza e competenza. Il lavoro potrà costare anche poco, ma il risultato finale potrebbe essere deludente, per non dire di peggio. L’imbiancatura richiede una certa quantità di abilità e competenze, che non possono essere improvvisate da chiunque. Un bravo imbianchino si riconosce anche dal modo in cui si presenta e sa affrontare gli argomenti relativi al suo lavoro. Osservate la persona che si presenta per eseguire il lavoro che avete in mente e chiedetevi se effettivamente sembra un professionista, se ha un atteggiamento professionale, se vi parla di lavori simili eseguiti in passato, se vi da indicazioni migliorative ed utili rispetto al progetto di cui gli state parlando. Un buon imbianchino di solito ha anche la possibilità di offrirvi assicurazioni sulla responsabilità civile di eventuali danni che potrebbero arrecarvi durante l’esecuzione dei lavori. Anche questo è un elemento che vi aiuta a distinguere tra professionisti seri e preparati e non.

Federico Bianchi Falchi

Nel lavoro di tinteggiatura, scegliere il colore e’ una delle cose fondamentali che a lavoro ultimato sara’ un importante elemento caratterizzante dei locali, insieme ai mobili, ai quadri, ai tendaggi ed all’illuminazione.

A seconda infatti delle scelte, si potranno ottenere risultati diversi, dal locale freddo e formale a quello caldo e accogliente a quello stravagante o trasgressivo e tutto solo grazie agli accostamenti cromatici ed ai tocchi personalizzati. Il lavoro di tinteggiatura e’ un’attivita’ che puo’ essere svolta anche dagli amanti del fai da te anche se la scelta dei colori richiede una certa dose di professionalita’.

I vari colori possono avere una loro temperatura e un certo dinamismo. Questi principi sono ormai un patrimonio acquisito in campo artistico, ma sembra che abbiano anche fondamenti scientifici comprovati.

In una piccola ed angusta stanzetta un colore ‘caldo’ (rosso e suoi derivati) la rendera’ piu’ accogliente e intima. Ad una stanza buia il verde,il verde e i loro derivati possono attribuire un’atmosfera rilassante fresca e tranquilla.

La buona conoscenza delle caratteristiche dei colori permette di utilizzarli in maniera adeguata operando correzioni ottiche a situazioni non ottimali degli ambienti. Concetti come quelli che seguono possono utilmente aiutare:

• i colori chiari allontanano, quelli scuri avvicinano

• per allargare un corridoio e’ preferibile usare colori chiari sia per le pareti che per il soffitto,

• per alzare un soffitto troppo basso si possono scegliere tonalita’ piu’ scure per le pareti che per il plafone

Anche se la gamma di colori disponibili è assai ampia, sarebbe preferibile orientarsi su colori abbastanza tenui, i cosiddetti colori pastello, per non trovarsi dopo pochi mesi ad essere gia’ stufi dei colori scelti.

Il ricorso al tintometro, che è un’apparecchiatura che serve per preparare i colori nella tonalita’ prescelta ed in quantita’ desiderate in base a determinati processi codificati, oltre ad essere utile e di semplice impiego, consente di conservare i dati al fine di poter riprodurre anche a distanza di tempo l’esatta tonalita’ per procedere ad eventuali ritocchi che dovessero rendersi necessari.

Come detto piu’ sopra, pareti e soffitto a colori scuri rendono meno dispersivo un ambiente eccessivamente ampio. Al contrario con pareti e plafone chiari si ottiene l’effetto di ampliare un locale piuttosto angusto.

Per dare la sensazione di un soffitto meno alto, tipico delle case di una volta, si tinteggera’ il soffitto con un colore piu’ scuro di quello delle pareti, oppure si creera’ uno stacco scendendo col colore del plafone anche per un tratto di pareti per circa 20-25 cm.

Per dare la sensazione di allungare una stanza si puo’ dipimngere in colore scuro la parete di fronte.

Per diminuire l’irregolarita’ di una stanza conviene tinteggiare tutte le pareti ed il soffitto nello stesso colore, preferibilmente bianco o comunque chiaro.

 

 

Lorenzo Giorgetti

L'operazioe di stuccatura inizia distribuendo in un recipiente di acqua pulita lo stucco in polvere. Questa deve essere versata in modo regolare. Prima di effettuare la miscelatura viene fatto riposare per alcuni minuti. Dopo averlo impastato manualmente, può iniziare la vera e prorpia fase di posa dello stuco che viene distribuito con una spatola di acciaio  in maniera regolare seguendo sempre lo stesso verso. Per stuccare degli giunti sulla parete è necessario poi ricoprire la parte stuccata con una nastro adesivo microforato. Ma per saperne di più guardiamo insieme questo video.

 

Trova imbianchino, idraulico, architetto

 

Lorenzo Giorgetti

E' primavera, se così si può definire, è ora di dare una rinfrescata alla casa. Ma è anche periodi di crisi, quindi sarebbe opportuno cercare un imbianchino che faccia un buon lavoro a buon prezzo. Su Locaserve puoi trovare l'offerta che ti occorre. Fai la tua richiesta. L'imbianchino è un lavoro antichissimo e in Italia ha caratterizzato soprattutto il dopoguerra quando c'era da ricostruire il paese. Molti operai erano soprattutto di origine meridionale, con l'affacciarsi del nuovo secolo tale lavoro è stato svolto anche dagli immigrati. Per imparare, solitamente ci si affianca al cosidetto mastro (maestro), ma esistono anche dei corsi. Alcuni sono gratuiti. Sono molto interessanti, soprattutto quelli per diventare stuccatore o decoratore. Per avere delle informazioni ci si può rivolgere anche alla camera di commercio della proria città. Ma quali sono le cose di base che un buon imbianchino deve saper fare? Guardiamo questo video in cui viene spiegato come applicare lo stucco veneziano

 

Trova imbianchino, idraulico, architetto

 

Lorenzo Giorgetti

I lavori da fare in casa sono sempre tanti, tra i più importante c'è senza dubbio la ritinteggiatura. Quante volte ci siamo trovati a dover imbiancare con tutti i mobili presenti a fare da ingombro. E quante volte avremmo voluto, spece in presenza di mobili antichi, fare delle decorazioni alle partei. Nel video che ti mostriamo sono indicati tutti i passaggi per dare una mano di pittura ad una stanza senza sporcare i mobili e approntare anche qualche decorazione alla pareti. 

Lorenzo Giorgetti

Tra le cause dell'inquinamento sicuramente ci sono le vernici per imbiancare. In Italia ne vengono smaltite 1 milione di tonnellate all'anno. Da ogni tonnellata evaporano 400 kg di solventi tossici dannosi per l'uomo e per l'ambiente. La produzione di ogni chilogrammo produce 100 kg di rifiuti speciali. Gli appartamenti a causa del sempre maggiore isolamento termico e acustico impediscono un ricambio dell'aria regolare per cui le vernici tradizionali possono essere causa di patologie. Una specifica ricerca è riuscita a mettere in evidenza che spesso l'inquinamento dell'aria può essere maggiore in casa che fuori. Areare casa è consigliabile, ma la soluzione ideale è acquistare vernici naturali ed ecologiche. Esse sono prive di emissioni tossiche. Quelle più diffuse sono le cosiddette vernici fotocatalitiche che attraverso il processo di fotocatalisi simile alla fotosintesi clorofilliana, riescono a trasformare le sostanze nocive presenti nell'appartamento (come le polveri sottili) in altri composti meno nocivi riducendo gli effetti dei gas serra

Per saperne di più: www.locaserve.com/guide/le-vernici-ecologiche-cosa-sono-vantaggi