Categoria Ristrutturazioni

admin

Le nostre abitazioni possono risultare più inquinate dell’ambiente esterno. In casa si respirano una grande quantità di sostanze inquinanti che possono essere anche cinque volte superiori a quelle presente all’esterno. Quando si pensa ad una casa accogliente, piacevole da vivere, con tanta luce, ci si dimentica, della  qualità dell’aria che si respira nello spazio domestico.

Gran parte degli italiani trascorre la maggior parte delle ore del giorno in ambienti chiusi, sottoposti perciò agli effetti che queste sostanze procurano alla salute. Tra le sostanze dannose all’uomo i maggior indiziati sono: 

  • la formaldeide già segnalata dal IARC nel 2004;
  • i VOC, composti volatili organici che sono causa della cosiddetta “sindrome della casa malata” che può provocare tosse secca, cefalee, irritazione di occhi, naso e gola ecc.ecc.

Per affrontare questo fenomeno è stata lanciata nel 2011 un’innovativa tecnologia  chiamata Activ’Air, capace di abbattere fino all’80% i livelli di formaldeide e VOC negli ambienti interni. Questa tecnologia inizialmente è stata introdotta soltanto per i sistemi a secco in cartongesso e nei controsoffitti, ma oggi  la utilizzano anche alcuni intonaci in commercio. Quindi si potrà, senza interventi particolarmente invasivi, migliorare la qualità dell’aria delle nostre case utilizzando intonaci, controsoffitti o sistemi a secco in cartongesso prodotti proprio con questa tecnologia all’avanguardia.

Questi sistemi hanno anche la capacità di aumentare, in modo attivo, le caratteristiche prestazionali dei sistemi costruttivi a base di gesso assorbendo e neutralizzando la formaldeide senza rilasciarla di nuovo e assicurando una durata dei benefici a lungo termine. 

Le tre macro famiglie (i sistemi a secco in cartongesso, i controsoffitti e gli intonaci e rasanti), che utilizzano questa tecnologia all’avanguardia soddisfano, perciò, diverse esigenze sia in fase di ristrutturazione che di costruzione, vediamone le caratteristiche generali.

  • I sistemi a secco in cartongesso si differenziano tra loro per la finitura estetica, la resistenza meccanica e al fuoco, il comfort acustico e una  facilità di installazione e trasporto.
  • I controsoffitti si dividono in controsoffitti continui che abbinano il design a proprietà tecniche specifiche e sono adatti a coprire grandi superfici come teatri e cinema oppure ambienti sportivi e controsoffitti modulari adatti per realizzare controsoffitti ispezionabili, lisci, forati o piani, con struttura a vista.
  • Gli intonaci e rasanti, che permettono di abbattere la presenza di formaldeide, sono prodotti a base di gesso e calce naturale e possono essere finiti con pitture traspiranti o idropitture senza perdere gli effetti che questa nuova tecnologia gli conferisce.

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

admin

Avete mai pensare di arredare con l’arte? No? Condividiamo con voi i suggerimenti di alcuni professionisti del settore!

Se volete che la vostra casa abbia qualcosa in più rispetto alle altre, non dovete limitarvi a scegliere un arredamento di design.

Molto spesso, infatti, nel sistemare casa vengono trascurati dei particolari che si sbaglia a considerare oziosi. Un esempio? Le pareti: si tratta di spazi assai sottovalutati, ma che fungono da collante per il vostro arredamento, evitando di dare alle stanze un’aria anonima. Come fare, allora, per valorizzarle la meglio? Il trucco è sempre lo stesso, disseminarle di quadri.
Le tele appese continuano a mantenere il loro fascino, con una piccola variante: ora sono alleggerite dalle ingombranti cornici da cui erano sormontate in precedenza, sostituite da supporti che esaltino al meglio quello che contengono. L’acquisto di un quadro è una scelta che non tutti possono permettersi, ma ciò non implica che dobbiate rinunciarvi: per le tele più famose, infatti, sono disponibili riproduzioni d’autore o stampe di qualità che rappresentano una soluzione più abbordabile.

Generalmente il salotto, luogo in cui si ricevono e intrattengono gli ospiti, è l’ambiente prescelto per l’allestimento di una piccola galleria, anche in virtù del fatto che si tratta della porzione più ampia della zona living. Per fare un buon lavoro, però, non basta radunare tutti i vostri dipinti preferiti, è necessario che operiate una cernita tra questi, optando solo per quelli che meglio si armonizzano con il vostro arredamento. Solo così potrete aggiungere un tocco di carattere al vostro salotto.

L’arte moderna, un trend che non tramonta mai, è quello che vi consigliamo, anche nel caso in cui la vostra abitazione presenti un arredamento classico: se ben studiati, infatti, i contrasti sono un valore aggiunto. Una stampa ritraente il “Trovatore sulla spiaggia” di Giorgio de Chirico, per esempio, sarà indicata per qualsiasi stile.


“Trovatore sulla spiaggia” di Giorgio de Chirico

Dal classico all’insolito: nel caso di un salotto all’insegna di colori neutri vi proponiamo, per ravvivarlo, un’opera come il “Nudo disteso” di Walasse Ting con il suo fascino orientaleggiante.


“Nudo disteso” di Walasse Ting

Se invece è lo stile minimal ad accattivarvi, le stampe che riproducono i lavori di Alberto Burri o la serie dei “Concetti Spaziali” di Lucio Fontana fanno al caso vostro.


Lucio Fontana – Concetti Spaziali

Qualora il vostro motto sia “essenziale, sì, ma con colore”, invece, optate per le assai varie “Composizioni” di Piero Dorazio o sulle tele di un altro artista nostrano come Giuseppe Capogrossi, con la riproduzione seriale di indefinibili figure che ne rappresentano la firma inconfondibile.

Per chi predilige l’arte figurativa, poi, consigliamo di orientarsi su tele che non siano troppo inflazionate. Un esempio potrebbe essere la “Donna Sdraiata” di Giacomo Manzù che vedete di seguito. Questa stampa, con il nero come colore prevalente, si rende un passepartout.


Donna sdraiata – Giacomo Manzù

Se le stampe proposte vi hanno invogliato ad adottare soluzioni affini per il vostro salotto, vi segnaliamo la prossima asta targata Minerva Auctions che ha al centro una vasta raccolta di opere di grafica internazionale. L’appuntamento è fissato per il 14 dicembre 2016. La vendita all’incanto si svolgerà a Roma, presso Palazzo Odescalchi, sede storia della casa d’aste della Capitale.

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

admin

Quando si effettua la ristrutturazione di una cucina piccola l’obiettivo è ottimizzare lo spazio, anche quello minimo. Per questo motivo prima di agire bisogna avere un progetto su carta ,(noi realizziamo anche il render  foto-realistico), in questo modo potrai capire meglio come sarà il risultato finale e come verranno sfruttati gli spazzi.

Questo ambiente deve essere ben progettato, a partire dal “triangolo di lavoro”, con superfici e spazi ben organizzati.

Le tre zone di lavoro che costituiscono il “triangolo” sono:

  1. La zona lavaggio con lavello e lavastoviglie,
  2. La zona cottura con forno microonde e piano cottura e
  3. La zona conservazione con dispensa e frigorifero.

Un attento studio di queste tre zone otterrà un ambiente ampio e funzionale, senza però risultare dispersivo.

L’arredamento della cucina quindi deve essere scelta con cura, non solo nell’estetica e nel design, ma bisogna considerando anche gli spazi e le attività che devi compiere ogni giorno, dedicando, un’area a ciascuna di esse.

E’ consigliato posizionare la superficie di lavoro accanto ai fornelli e al lavello, nel caso disponi di una lavastoviglie, questa è bene che sia sotto il lavello o nello spazio sottostante a fianco, in modo da gestire gli scarichi dell’acqua.

Quando si acquista la prima casa spesso si desidera cambiare completamente la disposizione delle camere, se vuoi spostare la cucina devi sapere che non è sempre possibile, per sapere se si può spostare approfondisci su ristrutturazione spostare cucina.

Lo spazio in cucina non basta mai. Per questo motivo è importante cercare mobili salvaspazio che ti permettono di risolvere in modo pratico e talvolta originale il problema legato alle dimensioni contenute o agli spazi irregolari e difficili di alcune abitazioni.

Per quanto riguarda il pavimento e la tinteggiatura delle pareti consiglio di utilizzare colori chiari, che oltre a rendere più luminoso l’ambiento lo fanno sembrare più grande, se vuoi scoprire gli altri consigli approfondisci i 5 consigli per far sembrare la casa più grande.

Conclusioni:

La ristrutturazione e l’arredamento di una cucina piccola richiede un progetto che risponda alle tue esigenze e che sia pensato per farla sembrare più grande, inoltre deve essere anche comoda per chi cucina, in questo modo i pasti saranno preparati con più cura e perciò saranno più gustosi. La pensi come me?

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

admin

La cucina per molti è l’ambiente più importante della casa. Questo spazio la maggior parte delle volte unisce, altre divide, non ostante ciò tutti coloro che acquistano un immobile o decidono di ristruttura quello che già possiedono, non trascurano mai questo indispensabile spazio.

La scelta di ristrutturare la cucina dipende da vari fattori, lo stile che essa possiede non è più di tendenza oppure cambiano le esigenze o diminuiscono gli spazi a disposizione.

Qualsiasi essa sia la motivazione, lo scopo è sempre quello di ottimizzare gli spazi, creare un ambiente confortevole, pratico, e con uno stile armonioso.

Selezionare la tipologia di arredamento che più fà al caso tuo non è mai un’ impresa semplice. Gli stili di arredamento sono svariati ( classici, moderni, contemporanei ecc..) e le tendenze che li caratterizzano cambiano stagione dopo stagione.

A tal proposito le cucine moderne sono una soluzione di grande tendenza, curate nell’estetica, utilizzano materiali tecnologici, innovativi e sempre più ecologici. Inoltre  hanno interni superorganizzati e superaccessoriati per gestire al meglio ogni singolo angolo a disposizione.

Un alternativa alle semplice cucine moderne che negl’ ultimi tempi sta prendendo sempre più piede sono le cucine moderne con isola.

La cucina moderna con isola possiede diverse dimensioni,  svolge una funziona pratica e funzionale ma che soddisfa anche l’occhio, arricchendo lo spazio.  Rappresenta sempre più un elemento importante e preponderante dell’ambiente domestico che soddisfa le esigenze e le necessità delle famiglie moderne.

Le cucine ad isola prediligono l’aspetto conviviale e comunicano un senso di dinamica vivibilità all’ambiente. La zona operativa si sposta al centro, inoltre questa tipologia di cucina presuppone che gli spazi siano sufficientemente ampi, pertanto spesso accade che per necessità  la cucina a isola rimane a vista sul soggiorno.

Uno svantaggio della cucina a isola è quello di dover portare gli scarichi e gli allacci di impianti idrici, elettrici e del gas a centro stanza per poter raggiungere gli elettrodomestici.

Questa è una difficoltà facilmente risolvibile, ma vale la pena di affrontarla solo se desideri affrontare una ristrutturazione abbastanza consistente, poiché sarà necessario rimuovere il pavimento per far passare gli impianti e realizzarne uno nuovo. 

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

admin

Avere le idee chiare su quali tipologia di ristrutturazione effettuare al interno della propria casa è il primo passo da fare quando si sceglie di ristrutturarla. Individuare la tipologia di lavori da eseguire , i materiali da utilizzare, i colori, le rifiniture ecc.. è senz’altro indispensabile per poter collaborare nel migliore dei modi con l’impresa che eseguirà i lavori in casa tua.

Effettuare una richiesta di preventivo è indispensabile per il cliente e per la ditta che eseguirà i lavori, ma non tutti i preventivi sono uguali infatti a seconda del tipo di richiesta, se più o meno dettagliata le imprese effettueranno una diversa tipologia di preventivo. Pertanto più accurata sarà la richiesta altrettanto lo sarà il preventivo.

Anche il sopralluogo è senza dubbio fondamentale prima dell’inizio dei lavori, effettuare un analisi sul campo dello stato della casa è indispensabile in quanto osservare le varie problematiche direttamente sul luogo aiuterà il cliente e l’impresa ad essere più esaustiente in caso di eventuali dubbi.

Durante il sopralluogo il cliente e l’impresa hanno la possibilità di dialogare è di porre le domande che ritengono più necessarie. Una delle domande più ricorrenti che i clienti pongono alle imprese di ristrutturazione è sul tempo di esecuzione dei lavori.

Il tempo di esecuzione dei lavori o il termine dei lavori è un aspetto che preoccupa la maggior parte dei clienti. Un modo per evitare inutili disagi e creare un piano o un progetto di ristrutturazione che chiarisca nei minimi dettagli i lavori che andranno eseguiti. Non esiste un lasso di tempo standard per eseguire i lavori , il tempo necessario per eseguirli dipende da molteplici varianti: la metratura della casa, la tipologia di lavoro, i materiali sono alcuni dei tanti aspetti che determinano la durata dei lavori.

Affidare la realizzazione del progetto di ristrutturazione di casa tua ad una seria ditta di professionisti significa essere sicuri che i lavori  saranno di qualità e i tempi di consegna saranno rispettati scrupolosamente.

 

Federico Bianchi Falchi

In Italia ci sono altezze minime e superfici massime da rispettare, in rapporto all'ambiente da soppalcare, che variano a seconda dei regolamenti edilizi e comunali. Solitamente puoi soppalcare 1/3 dell'ambiente (se hai un'alteza minima di cm. 210 sia sotto che sopra) e fino a metà dell'ambiente (se hai un'altezza minima di cm. 220 sia sotto che sopra).


Valgono sempre i rapporti aeroilluminanti richiesti per gli altri ambienti, ma sotto e sopra la parte soppalcata deve essere aperta almeno su un lato e sopra deve essere munita di una ringhiera alta come minimo cm.110

Lorenzo Giorgetti

Tutti abbiamo delle idee su come dovrebbe essere la nostra casa dei sogni.

Ad alcuni potrebbe fare impazzire l’idea di avere una piscina in casa, mentre ad altri potrebbe piacere un design futuristico, un'elevata eco-sostenibilità o l'integrazione con degli elementi naturali.

Qualunque sia l’idea (od il sogno) che potrebbe rendere unica la nostra casa dei sogni, qui potrete vedere alcuni esempi di abitazioni in cui si è riusciti a realizzare alcune delle loro idee più grandiose ed audaci.

 

Questi ingegnosi miglioramenti spaziano dalle piscine agli acquari agli spazi intelligentemente nascosti dove conservare le proprie cose, mobili multifunzione e... passerelle di passaggio per gatti!

 

Attenzione! - La visione di queste immagini ha un elevatissimo rischio di lasciarvi con una sensazione di insoddisfazione legata alla vostra dimora attuale!

 

 

Federico Bianchi Falchi

Tutti abbiamo sognato di costruire una vera casa di legno su un albero da bambini,  per giocare e fantasticare.

Adesso possiamo seguire questa facile guida per realizzare il nostro sogno, vedendo passo passo come rendere questa impresa possibile a chiunque. Tuttavia, se non vi sentite sicuri di affrontare l’impresa da soli, allora potrete comunque sempre chiedere ad un falegname esperto per ottenere un lavoro fatto a regola d’arte ed in tutta sicurezza.

Per costruire la piattaforma si devono usare tavole di pino da 5x15 centimetri. La base della casetta sarà di 2x2 metri. Serviranno otto tavole da 2 metri ciascuna più una che servirà da rinforzo, il totale è quindi di 9 tavole, ossia 18 metri di legname. Scelto l'albero è necessario decidere l'altezza della collocazione della piattaforma; a circa 2 metri e mezzo da terra andrebbe bene. Per usare le viti tirafondi bisogna prima praticare un foro nel legno con il trapano affinché possano penetrarvi senza fatica.

Se vi abbiamo fatto venire veramente voglia di costruire una casa sull'albero, allora date un'occhiata alla nostra guida completa al seguente link: http://www.locaserve.com/guide/come-costruire-una-vera-casa-sullalbero

 

Marco Rossi

Applicare la malta è semplice, ma bisogna fare attenzione alle superfici sulle quali deve fare presa, per assicurare la giusta aderenza. Limitandosi a considerare il caso delle piccole riparazioni è importante che esse siano prive di parti parzialmente aderenti.

E' fondamentale seguire questi passi: 1. passare una spazzola metallica e un raschietto per eliminare le parti più delicate e meno aderenti 2. spolverare accuratamente per rimuovere ogni residuo, polvere o terra 3. bagnare le superfici in modo da aiutare la malta a fare presa. A questo punto occorre non applicare, bensì lanciare la malta con rapidi movimenti di cazzuola contro la superficie interessata. Solo in questo modo la malta aderirà alle superfici. Terminata questa fase occorrerà lisciare e correggere le quantità e le superfici con la cazzuola, eliminando gli eccessi. Dopo qualche ora sarà possibile iniziare ad osservare la presa e l'inizio della solidificazione della malta, dipendentemente anche dalle condizioni atmosferiche.

Marco Rossi

Abbiamo visto come la malta può essere utilizzata per riparazioni, vediamo ora più in dettaglio come prepararla nel modo corretto. Innanzitutto è venduta normalmente in sacchi da 25 kg, al costo di pochi euro, oppure in formati più contenuti ad esempio di 5 kg, ma praticamente allo stesso prezzo.

Solitamente i sacchi sono costituiti di due intercapedini, una che contiene la sabbia (l'inerte) e una che contiene cemento e calce (il legante). Per preparare la malta il sacco deve essere svuotato in un contenitore in grado di contenere tutto il materiale e deve essere mescolata in modo che sabbia e legante si distribuiscano uniformemente. A questo punto si aggiunge acqua nelle quantità dichiarate dal produttore (ad esempio 3 litri d'acqua ogni 25 kg di malta) e si mescola per qualche minuto vigorosamente usando una cazzuola o meglio un sistema più efficiente, fino ad ottenere una malta densa e omogenea, quasi cremosa. Si possono allo scopo usare delle apposite fruste da montare sul trapano o una betoniera.

Marco Rossi

Riparare un muro esterno rovinato, o il bordo di una aiuola come nella foto, è una operazione molto semplice che può essere svolta da tutti.
Si può usare qualche chilo di "malta bastarda", che ciascuno può preparare semplicemente. La malta bastarda è composta da un legante (cemento e calce) e da un inerte (sabbia).

La malta viene venduta in sacchi al cui interno i componenti sono divisi in due compartimenti diversi. Occorre miscelare bene i due componenti e poi aggiungere acqua nelle proporzioni indicate sulla confezione. Dopo qualche minuto di impasto la malta è pronta per essere applicata sul supporto, che deve essere stato prima scrostato con una spazzola metallica, spolverato e bagnato per favorire l'adesione della malta.

Lorenzo Giorgetti

Che utilità potrebbe avere una controsoffittatura in cartongesso? Caprire gli inestetismi del soffitto come quelli delle travi ben visibili, apporre un sistema di luci a faretti o semplicemnte rendere più stilosa la propria casa, magari  proprio il soggiorno.

Ma come facciamo a realizzarla? Per prima cosa dobbiamo capire come è fatto il solaio, se esso è realizzato in legno allora è possibile incollare il foglio di cartongesso direttamente alle travi con il lato lungo posto in modo perpendicolare alle travi stesse.

Se non ci sono le travi bisogna fissare dei listelli in legno (che fungano da base per una intelaiatura) lungo il perimetro del locale con dei travetti sempre in legno posti gli uni dagli altri ad una distanza non superiore a 50-60 centimetri. Per fissare le lastre vanno adoperati dei chiodi oppure delle viti di 50 millimetri. Chiodi e viti vanno posti a una distanza di 10-15 centimetri gli uni dagli altri facendo attenzione a non rompere il cartone. Può essere utilizzata in aggiunta anche della colla forte per legno. Il cartongesso invece deve essere di 6 millimetri. Una volta applicato bisogna stuccare i giunti e rinforzarli con nastro di vetro. Dopo aver passato la carta vetrata è possibile effettuare la tinteggiatura.  Un risultato migliore si può ottenere realizzando delle capriate in legno al posto della semplice intelaiatura con listelli e travetti, ma questo richiede più impegno e sarebbe opportuno rivolgersi ad un carpentiere.

 

Trova imbianchino, idraulico, architetto

 

Lorenzo Giorgetti

Chi non ha mai visto un loft almeno in foto? Sono della abitazioni molto attraenti che danno il senso di libertà abitativa. Esse sono ricavate in grandi spazi industriali riadattati per l'occasione. La parola loft deriva infatti dal tedesco luft che significa aria, spazio. Il loft nasce proprio dall'esigenza di riqualificare le aree industrali che altrimenti sarebbero abbandonate, e dall'esigenza di non edificare altri spazi urbani. Trasformare queste aree non è facile, vanno adattati gli ambienti alle esigenze domestiche pur non riconvertendo completamente lo spazio in una abitazione tradizionale. Infatti spesso vengono lasciati a vista le murature senza, gli impianti di areazione tecnologici e altri elementi tipici di un amibiente industriale. Essendo il loft caratterizzato da un grande spazio aperto, ogni parte di esso va arredata e utilizzato al meglio. Spesso sono presenti delle pareti scorrevoli per dividere l'area giorno dall'area notte e dei soppalchi, visto che i loft hanno una grande altezza interna. Paraventi, sipari, porte scorrevoli, e serrandine oppure librerie a giorno consentono di percepire l’intero spazio ma di definirne alcuni angoli a tema. Talvolta le classiche veneziane possono essere utilizzate per nascondere la zona dei fornelli oppure per creare in un attimo la stanza dell’ospite in soggiorno. L’unico ambiente che deve essere chiuso per legge e, comunque, separato dalla zona dei fornelli e della preparazione dei cibi attraverso un “disimpegno” è il bagno, in particolare, il locale contenente il vaso igienico. Riguardo alla luce, sono caratterizzati da ampi lucernari, finestroni, e solitamente vengono arredati con lampade a luce soffusa, ma poi tutto dipende dal proprio gusto di concerto con l'architetto. Per quanto riguarda la pitturazione, il bianco da ancora di più il senso dello spazio, ma possono essere usati anche colori caldi con sfumature spente che ben si abinano ai materiali grezzi che vengono riadattati nella struttura. Per le parti in ferro è bene usare un colore grigio o in alternativa una pittura che le renda luminose e che richiami il colore delle pareti.

Lorenzo Giorgetti

Una delle stanze più importanti di tutta la casa è senza dubbio il salotto, questa difatti è la stanza della convivialità e dove riceviamo gli ospiti, è quindi utile tramite alcuni accorgimenti renderla il migliore possibile. Il colore del salone deve essere in armonia con l’ambiente circostante e ovviamente con tutta la mobilia, evitiamo quindi i toni troppo sgargianti o l’unione di troppe tinte nella stanza (l’ambiente risulterebbe ai nostri occhi come più piccolo). Grazie ad un uso intelligente dei colore potrete avere un effetto trompe l’oeil che potrà davvero cambiare l’aspetto della stanza. Se la stanza è piccola evitiamo di farla sembrare più piccola per prima cosa, evitiamo di rendere il poco spazio che abbiamo ancora più frammentato e diviso ai nostri occhi, quindi niente tappeti o decori sul pavimento. Per far sembrare l’ambiente più spazioso è consigliabile un uso uniforme del colore chiaro dalle pareti al pavimento alle porte.

Per saperne di più clicca qui: http://arredamentocasablog.it/2013/01/alcuni-trucchi-per-rendere-una-stanza-piu-grande/

Lorenzo Giorgetti

E per la serie, recupera e ristruttura i tuoi oggetti di arredamento in legno. E' giunto il momento della sedia d'epoca. In questo simpatico video cadenzato da una musichetta da sketch comico possiamo vedere tutti i passi che il restauratore esegue recuperando completamente la sedia. Da un vecchio manufatto color legno ne uscirà fuori un nuovo prodotto color bianco degno di un ambiente da reggia. 

Federico Bianchi Falchi

Il Feng Shui è un antica filosofia cinese che si basa sull'analisi degli elementi naturali. L'obiettivo principale è quello di creare un'armonia tra noi e l'ambiente che ci circonda e il segreto per ottenerla è la costante ricerca di un equilibrio tra gli oggetti, gli spazi e il nostro mondo interiore.

Feng Shui è un sapiente miscuglio tra l'arte e la scienza che mira a organizzare lo spazio che ci circonda per massimizzare l'energia positiva e per questo è un sistema molto complesso, ricco di regole, principi e riflessioni che si sono sviluppate nel corso dei secoli all'interno della millenaria cultura cinese.

Il risultato finale di una ristrutturazione, realizzata in base ai principi del Feng Shui , è quello di un ambiente equilibrato, rilassante e piacevole.

Le regole del Feng Shui  si possono applicare a qualsiasi tipo di ambiente: domestico, lavorativo, commerciale, religioso ed anche ad ambienti aperti come parchi e piazze, in sintesi ogni spazio può essere organizzato secondo le sue regole.

Esistono cinque elementi principali nel Feng Shui: l'acqua, il legno, il fuoco, la terra e il metallo.

 

Per saperne di più: http://www.locaserve.com/guide/i-segreti-della-progettazione-di-interni-del-feng-shui

Federico Bianchi Falchi

La doccia è uno degli elementi più critici all'interno di un bagno. Esistono molti modelli acquistabili in negozi specializzati, realizzati in materiale plastico e vetro, che sono di facile installazione.

Questo tipo di docce è molto più economico rispetto alla tipologia che di seguito andremo ad analizzare, perché avere la libertà di poter scegliere il piatto doccia, il rivestimento e il soffione permette la realizzazione di docce molto più belle e perfettamente integrate con il resto del bagno.

Il primo punto da verificare è la impermeabilizzazione della parete in cui verrà inserita la doccia.

Per saperne di più: 

Federico Bianchi Falchi

Le scale sono delle bellissime strutture che permettono il passaggio da un piano all'altro all'interno della nostra abitazione, generalmente esistono due tipi di scale:

  1. In muratura: realizzata in cemento armato durante l'edificazione dell'alloggio, di forte impatto visivo e strutturale deve essere prevista una seconda fase successiva alla realizzazione in cui vengono applicate le finiture superficiali
  2. Autoportante: a differenza della prima tipologia viene realizzata da ditte esterne in legno, acciaio, vetro ed altro, per poi essere montata alla fine della realizzazione delle finiture interne dell'abitazione.

La scala autoportante ha un impatto minore sullo spazio abitativo e non permette molte personalizzazioni, per questo motivo preferisco sempre utilizzare la seconda tipologia di scale, in modo da poter avere il massimo della scelta di finiture ed il minimo impatto visivo.

Per saperene di più: http://www.locaserve.com/guide/gli-elementi-che-compongono-una-scala-giorno

Marco Rossi

Il Bagno turco o Hammam è un'antica tradizione orientale che consiste nel fare dei bagni nel vapore che aprono i pori della pelle facendo fuoriuscire tutte le impurità e tossine, rilassando il corpo.

In occidente questa pratica ha preso piede da qualche decennio e in Italia da alcuni anni è presente in tutti i centri specializzati per il benessere della persona.

Tutti i dettagli di come realizzarlo e gli aspetti a cui stare attenti sulla nostra guida: "Come creare la tua stanza bagno turco personalizzata" http://www.locaserve.com/guide/come-creare-la-tua-stanza-bagno-turco-per...

Federico Bianchi Falchi

Diventa un professionista Locaserve e avrai accesso alle ultimissime richieste di lavori da parte di potenziali clienti che cercano i tuoi servizi. Metti in risalto le tua capacità professionali. Crea un profilo Locaserve dettagliato: è alla base della tua reputazione online e garantisce che hai le qualifiche per realizzare al meglio i lavori richiesti dai potenziali clienti. 

Scopri come: http://www.locaserve.com/content/come-iniziare

Federico Bianchi Falchi

Locaserve moltiplica le tue opportunità di lavoro.

Ecco come puoi usare al meglio Locaserve per guadagnare più clienti per la tua attività. Inserisci informazioni sulle tue qualifiche, certificazioni, esperienze professionali.

Più il tuo profilo è completo, più viene visitato e votato dagli utenti, e il tuo punteggio Locaserve sale. È il miglior indice della tua buona reputazione e affidabilità.

http://www.locaserve.com/content/guadagna-pi%C3%B9-clienti 

Federico Bianchi Falchi

Usa Locaserve anche col tuo smartphone. 

Anche sul tuo smartphone, Locaserve è sempre con te. Chiedi preventivi a idraulici, elettricisti, falegnami, imbianchini e a molti altri professionisti e fornitori. Tutti vicini a te, nella tua zona. Richiedi il tuo servizio dovunque e quando vuoi.

Dovunque tu sia, Locaserve è con te. Non conta dove sei, non hai bisogno del tuo computer a casa o in ufficio. Richiedi comodamente e con pochi passaggi sul display del tuo smartphone il servizio di cui hai bisogno.

http://www.locaserve.com/content/locaserve-mobile-sempre-giro-con-te

 

Federico Bianchi Falchi

 

Locaserve trova e i migliori professionisti e aziende, in base alla qualità
dei loro profili e dei servizi offerti. La selezione si basa su:

  • licenze, esperienze, storia professionale
  • puntualità, preparazione, affidabilità
  • giudizi di altri clienti sui lavori eseguiti 

Locaserve valuta professionisti e fornitori con un punteggio personale, calcolato su:

  • completezza del profilo Locaserve
  • giudizi dei clienti Locaserve
  • qualifiche su Locaserve

Per aiutarti a scegliere chi fa per te, non c’è solo il sistema Locaserve Score.
Ci sono anche i giudizi di altri clienti come te – giudizi reali di clienti reali.

Così vedi:

  • cosa pensano altri clienti dei professionisti e aziende trovati tramite Locaserve
  • la storia dei giudizi e commenti che ciascun professionista o azienda ha ricevuto
  • la media di questi giudizi
  • i giudizi e commenti dei tuoi amici Facebook sulle proposte che riceverai

http://www.locaserve.com/content/entra-contatto-con-i-migliori-professionisti

 

Federico Bianchi Falchi

Con Locaserve puoi inserire automaticamente, in pochi click, solo le informazioni rilevanti e significative affinchè la tua richiesta sia completa ed esauriente per i professionisti e le aziende interessate. Se lo vorrai potrai inoltre aggiungere ulteriori dettagli, foto e video.
Ricorda: fare la tua richiesta è GRATIS. E anche ricevere proposte è GRATIS.

http://www.locaserve.com/content/come-funziona

Federico Bianchi Falchi

Dalla tua richiesta, devi ottenere delle proposte utili. In poco tempo. Locaserve invia
automaticamente la tua richiesta ai professionisti e ai fornitori più qualificati che:

  • sanno fare meglio il lavoro di cui hai bisogno
  • sono geograficamente più vicini a te
  • sono più disponibili nel momento migliore per te
  • hanno una reputazione e giudizi all’altezza del compito

Trovati i professionisti o i fornitori che fanno per te, Locaserve ti mostra le loro proposte,
che saranno tutte confrontabili perché la richiesta iniziale è sempre la stessa, la tua.
Con una sola richiesta ricevi più proposte, in competizione tra loro. Per scegliere il meglio:

  • controlla i profili dei professionisti o fornitori
  • confronta i prezzi, la vicinanza, i tempi
  • chiedi loro tutto quello che vuoi sapere per decidere
  • scegli chi preferisci, fissa l’appuntamento

Ben venga la competizione tra professionisti, se è nel tuo interesse e ti fa risparmiare!

http://www.locaserve.com/content/ottieni-proposte-competitive

Federico Bianchi Falchi

Perché diventare un Professionista Locaserve?

Non siamo un servizio di annunci come tanti. Locaserve ti sottopone lavori reali e la libertà
di scegliere quelli che ti interessano. Locaserve offre un’interfaccia tra clienti e fornitori,
e gli uni e gli altri sono coinvolti in prima persona.

Locaserve dice di essere “il migliore modo per scegliere un servizio affidabile”. 
Lo è. Ecco perché:

  • ti fa trovare clienti reali che cercano un servizio come quello che fornisci tu
  • non hai solo contatti, ma clienti motivati, che sanno cosa vogliono
  • fai parte di un’élite selezionata di professionisti dei servizi per la casa.
  • i vantaggi sono concreti.

Una volta che ti sarai registrato su Locaserve, ecco quali vantaggi otterrai: http://www.locaserve.com/content/perch%C3%A9-locaserve