Come migliorare la qualità dell’aria in casa

admin

Le nostre abitazioni possono risultare più inquinate dell’ambiente esterno. In casa si respirano una grande quantità di sostanze inquinanti che possono essere anche cinque volte superiori a quelle presente all’esterno. Quando si pensa ad una casa accogliente, piacevole da vivere, con tanta luce, ci si dimentica, della  qualità dell’aria che si respira nello spazio domestico.

Gran parte degli italiani trascorre la maggior parte delle ore del giorno in ambienti chiusi, sottoposti perciò agli effetti che queste sostanze procurano alla salute. Tra le sostanze dannose all’uomo i maggior indiziati sono: 

  • la formaldeide già segnalata dal IARC nel 2004;
  • i VOC, composti volatili organici che sono causa della cosiddetta “sindrome della casa malata” che può provocare tosse secca, cefalee, irritazione di occhi, naso e gola ecc.ecc.

Per affrontare questo fenomeno è stata lanciata nel 2011 un’innovativa tecnologia  chiamata Activ’Air, capace di abbattere fino all’80% i livelli di formaldeide e VOC negli ambienti interni. Questa tecnologia inizialmente è stata introdotta soltanto per i sistemi a secco in cartongesso e nei controsoffitti, ma oggi  la utilizzano anche alcuni intonaci in commercio. Quindi si potrà, senza interventi particolarmente invasivi, migliorare la qualità dell’aria delle nostre case utilizzando intonaci, controsoffitti o sistemi a secco in cartongesso prodotti proprio con questa tecnologia all’avanguardia.

Questi sistemi hanno anche la capacità di aumentare, in modo attivo, le caratteristiche prestazionali dei sistemi costruttivi a base di gesso assorbendo e neutralizzando la formaldeide senza rilasciarla di nuovo e assicurando una durata dei benefici a lungo termine. 

Le tre macro famiglie (i sistemi a secco in cartongesso, i controsoffitti e gli intonaci e rasanti), che utilizzano questa tecnologia all’avanguardia soddisfano, perciò, diverse esigenze sia in fase di ristrutturazione che di costruzione, vediamone le caratteristiche generali.

  • I sistemi a secco in cartongesso si differenziano tra loro per la finitura estetica, la resistenza meccanica e al fuoco, il comfort acustico e una  facilità di installazione e trasporto.
  • I controsoffitti si dividono in controsoffitti continui che abbinano il design a proprietà tecniche specifiche e sono adatti a coprire grandi superfici come teatri e cinema oppure ambienti sportivi e controsoffitti modulari adatti per realizzare controsoffitti ispezionabili, lisci, forati o piani, con struttura a vista.
  • Gli intonaci e rasanti, che permettono di abbattere la presenza di formaldeide, sono prodotti a base di gesso e calce naturale e possono essere finiti con pitture traspiranti o idropitture senza perdere gli effetti che questa nuova tecnologia gli conferisce.

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!

No votes yet

Articoli correlati

Perché diventare un Professionista Locaserve?

Non siamo un servizio di annunci come tanti. Locaserve ti sottopone lavori reali e la libertà
di scegliere quelli che ti interessano. Locaserve offre un’interfaccia tra clienti e fornitori,
e gli uni e gli altri sono coinvolti in prima persona.

Locaserve dice di essere “il migliore modo per scegliere un servizio affidabile”. 
Lo è. Ecco perché:

Che utilità potrebbe avere una controsoffittatura in cartongesso? Caprire gli inestetismi del soffitto come quelli delle travi ben visibili, apporre un sistema di luci a faretti o semplicemnte rendere più stilosa la propria casa, magari  proprio il soggiorno.

Riparare un muro esterno rovinato, o il bordo di una aiuola come nella foto, è una operazione molto semplice che può essere svolta da tutti.
Si può usare qualche chilo di "malta bastarda", che ciascuno può preparare semplicemente. La malta bastarda è composta da un legante (cemento e calce) e da un inerte (sabbia).

Abbiamo visto come la malta può essere utilizzata per riparazioni, vediamo ora più in dettaglio come prepararla nel modo corretto. Innanzitutto è venduta normalmente in sacchi da 25 kg, al costo di pochi euro, oppure in formati più contenuti ad esempio di 5 kg, ma praticamente allo stesso prezzo.

Applicare la malta è semplice, ma bisogna fare attenzione alle superfici sulle quali deve fare presa, per assicurare la giusta aderenza. Limitandosi a considerare il caso delle piccole riparazioni è importante che esse siano prive di parti parzialmente aderenti.