Pulizia impianti di carico acqua

La pulizia delle tubazioni di un impianto di carico dell'acqua consiste nel lavaggio di tutti i componenti relativi all'impianto idrico-sanitario o termico, per far sì l'impianto funzioni sempre correttamente poiché libero da eventuali incrostazioni o impurità che ne comprometterebbero il funzionamento.

Prima di pulire una tubatura bisogna assicurarsi di aver escluso (ed eventualmente pulito) ogni apparecchio collegato alla rete perché non sia d'intralcio nell'operazione, successivamente si controlla che non vi siano strozzature che impediscono il regolare circolo e la giusta distribuzione delle acque dell'impianto.

Come avviene la pulizia dell'impianto idraulico?

La pulizia dell'impianto ora può avvenire. In base al tipo di posa ed ai materiali utilizzati, l'idraulico può decidere di pulire le tubature con un lavaggio chimico. Il lavaggio chimico è l'immissione, mediante dispositivo a pressione o macchina con pompa esterna per la pulizia, di una serie di soluzioni chimiche acide le quali, una volta inoltrate, circolando puliscono le tubature da incrostazioni, ossidi, calcare ed eventuali sedimenti depositati all'interno della tubazione. Successivamente a questa operazione, i nostri idraulici fanno anche un ulteriore lavaggio con un liquido meno aggressivo ed inibitorio. Questo per preservare più a lungo possibile la condizione interna della tubazione.

A chi mi devo rivolgere per la pulizia di un impianto idraulico?

Alcune imprese sono anche in grado di rivestire o incamiciare nuovamente le parti interne delle tubature con un liquido ad alta densità che attaccandosi alle pareti crea un nuovo letto od una nuova sede di passaggio più idonea e duratura per l'acqua. Spesso si trovano, specialmente nei vecchi impianti idrici, residui dovuti semplicemente al trascorrere del tempo e non per forza ostruzioni di natura dolosa. Alcune strozzature interne o rimpicciolimento del diametro sono infatti dovute a reazioni chimiche fra metalli, questa si chiama corrosione elettrolitica ed avviene, come la magnetite (ossido di ferro) nel caso del ferro, a causa delle mutazioni che i materiali d'impiego subiscono col trascorrere del tempo a contatto con elettrostaticità ed impurità delle stesse acque in entrata. Si consiglia l'esecuzione di pulizia di un impianto idro-termosanitario sempre ad un esperto del settore o meglio ad un tecnico abilitato, vista la forte presenza di rischi per le persone e l'ambiente circostante derivanti dalle sostanze chimiche utilizzate.

Ma, quando non è necessario intervenire in maniera aggressiva o chimicamente?

Prima di intervenire chimicamente con un lavaggio aggressivo, i nostri idraulici consigliano sempre (qualora non fosse mai stato effettuato prima) un'intervento di ottimizzazione detta "cotrolavaggio". E' un lavaggio con acqua pulita in pressione, avviene collegando del by-pass nei punti strategici o dove l'idraulico ritiene opportuno per dare più potenza, ed in maniera diretta, in quei punti che necessitano. Si potrà inoltre fare in modo di far ricircolare l'acqua in sensi opposti e contrari alla usuale percorrenza. Possiamo affermare con certezza che questa operazione, se mai effettuata prima, risolve la maggior parte dei problemi, casi in cui scende poca acqua dalla doccia o arriva poca acqua calda in bagno, rispetto magari alla cucina o ad altri rubinetti più vicini alla caldaia o scaldabagno. Le tubature vengono liberate dalla maggior parte dei detriti mobili presenti nei tubi, tutte quelle impurità che non sono diventate parte del tubo (specie se in ferro), come ruggine o calcare derivante dalle canne principali, verticali, di adduzione dell'acqua. Nella grande maggioranza dei casi (9/10), questo intervento idraulico ripristina molto del vecchio diametro del tubo, riportandolo ad una circonferenza interna molto più simile a com'era in origine.

Clicca qui e reinventa il tuo spazio con un professionista Locaserve!