Un dettaglio non trascurabile: il battiscopa

Il battiscopa serve per coprire la piccola discontinuità presente tra il pavimento e la parete, è una piccola fessura presente soprattutto nei pavimenti in legno, può essere realizzato con diversi materiali: in ceramica, in legno, in metallo ecc ecc.

Snobbato e cancellato dalle foto di case dove il design degli interni è minimalista e post-moderno, odiato ed evitato dagli architetti e interior designer, il battiscopa è quell’elemento trascurato e ignorato dagli stessi committenti e solitamente viene applicato alla fine dei lavori.

Personalmente utilizzo degli escamotage che mi permettono di risolvere il problema tecnico senza usare quell’inserto in legno, ma non sempre è possibile evitarli.

Il primo consiglio che vi do è quello di utilizzare i battiscopa a filo muro, sono molto più costosi di quelli normali, ma il risultato finale è qualcosa di inaspettato e oltremodo elegante.

 inserimento struttura in alluminio per l'alloggiamento battiscopa filo muro Battiscopa filo muro

In una ristrutturazione questa operazione può produrre degli effetti negativi, come la formazione di fessure tra il vecchio intonaco e il nuovo utilizzato per rasare, ma solo se il lavoro non è fatto a regola d’arte.

In alternativa esiste il classico battiscopa in legno o in MDF . Ci sono così tante forme e soluzioni diverse che vi sentirete spaesati nella scelta o, peggio, sceglierete quello che da sempre vi è stato sotto gli occhi e inconsciamente ritenete più familiare: il battiscopa 70x8 mm in rovere.

essenze legnose battiscopa

Suggerisco alcune linee guida che vi aiuteranno nella scelta di quello che vi sembrerà un dettaglio, ma sono proprio i dettagli a fare la differenza tra una buona e cattiva ristrutturazione.

Regola numero uno

Il battiscopa deve essere sempre di legno, anche se avete un pavimento in gres.

Regola numero due

Il battiscopa deve essere abbinato al coprifilo delle porte, meglio se a fornirvelo è proprio il produttore delle porte, oppure lo potete abbinare al pavimento in legno utilizzato nella ristrutturazione, nel caso di un pavimento diverso dal legno lasciatevi guidare dal colore cercando di abbinarlo con gusto.

Regola numero tre

Potete usare il battiscopa bianco solo in due casi:

- con pareti bianche, ottimo sistema per mimetizzarlo;

- con pareti colorate solo se tinteggerete anche il battiscopa per mimetizzarlo.

 

Consiglio dell’architetto:

Fate attenzione ai colori un bianco non è uguale ad un altro varia da produttore a produttore, per questo esistono i codici RAL che indicano un particolare tono e colore in modo che non ci siano differenze tra produttori diversi.

Si sta difofndendo molto velocemente una nuova tipologia di battiscopa illuminata con luci led, generano un effetto molto coreografico, ma l'installazione non è semplice, in quanto è da prevedere l'alloggiamento di un trasformatore e dei cavi di alimentazione.

Battiscopa illuminato con luci led

 


 L'autore

Daniele DevotiArch. Daniele Devoti

Nato in Svizzera, laureato in Architettura allo IUAV a Venezia,
si occupa da anni di ristrutturazione e progettazione di case private.

 

 

Trova imbianchino, idraulico, architetto