divano

Lorenzo Giorgetti

In ogni soggiorno uno dei punti focali dove si accentra l’attenzione e che negli anni ha conquistato sempre più importanza è l’angolo tv
Per fare in modo che le tue serate davanti al televisore siano perfette abbiamo preparato alcuni consigli che potrebbero essere utili.
Per prima cosa fai attenzione a dove disponi la televisione, dovi evitare punti in cui si possa riflettere la luce sopra e punti di passaggio, non è bello veder passare più volte persone quando si sta guardando un film. Prendi le giuste misure anche con il divano, stai attento a non metterlo troppo vicino allo schermo, né troppo lontano.

Per saperne di più clicca qui: http://arredamentocasablog.it/2012/11/arredare-langolo-tv-gli-errori-piu-comuni/

Lorenzo Giorgetti

Il soggiorno è la parte della casa che fa da biglietto da visita per gli ospiti, ma è anche quella zona dove i membri della famiglia trascorrono il tempo rilassandosi. L'arredamento quindi va scelto in funzione di questi due elementi. Ospitare qualcuno intrattenendolo significa farlo accomodare in un posto esteticamente bello ma anche comodo. Elementi importanti, ma non fondamentali, quindi sono il divano e le poltrone. Si consigliano delle sedute larghe e spaziose, soprattutto per chi ha un soggiorno ampio. Ma come detto prima questi due elementi di arredo non sono fondamentali soprattutto se li si accosta alla Tv. Nell'immaginario della gente il soggiorno è proprio pensato intorno a divano e televisione, ma ci sono altri elementi di arredo importanti che rendono la vita in questa stanza più confortevole e rilassante. Infatti non è solo la zona dove far accomodare gli ospiti. Allestire un angolo lettura con delle piccole sedute può essere una idea. Magari utilizzando una lampada sospesa che abbia una luce diretta.

Per approfondire l'argomento con sulta la nostra guida cliccando qui: http://www.locaserve.com/guide/come-arredare-il-soggiorno

 

Trova imbianchino, idraulico, architetto

 

Lorenzo Giorgetti

Illuminare la propria casa è uno degli step da seguire in fase di arredamento. I punti luce sono un elemento di praticità importante. La collocazione di una lampada a soffitto, parete o sospesa deve essere pensata infatti in modo pratico in base all'uso della stanza che si deve fare in quella zona. E allora nel caso desideri illuminare un tavolo, la lampada andrà posta in corrispondenza di esso, meglio da soffitto, laddove viene posizionato il tavolo stesso.

Se intedi illuminare una parete bisogna stare attenti a non porre poi della mobilia ingobrante sulla parete stessa. Magari si potrebbe arredare con un divano o delle poltrone illuminate con lampade a sospensione. Un problema in cui si potrebbe incorrerre è istallare delle luci non adatte a quella parte della stanza o all'uso che se ne dovrebbe fare.

Quindi appare evidente che in soggiorno e in camera da letto vanno collocate delle luci più soffuse ed accoglienti, mentre in cucina o nel bagno delle luci più intense. Naturalmente per ogni punto luce è necessario studiare se è necessaria una luce diretta o indiretta. Mai demandare la scelta dei punti luce agli elettricisti, sarebbe un errore, l'ideale è contattare un architetto esperto nel campo. E comunque in definitiva progettare una ottima illuminazione della casa significa anche darle un valore aggiunto e aumentarne il prezzo di mercato in caso di vendita o di affitto.

Lorenzo Giorgetti

Scegliere l'arredamento per la propria abitazione è un momento particolare, stile classico o moderno? Farli convivere o utilizzare solo qualche pezzo dell'uno e qualche pezzo dell'altro? Stile classico e moderno a prima vista sembrano totalmente distinti, ma ci sono delle parti comuni. Quello classico è uno stile intramontabile, oggi forse si è adattato, tanto è vero che si parla di stile classico contemporaneo in cui le forme si sono alleggerite i colori sono più vivi e gli intarsi sono assenti. Detto questo vediamo da vicino quali sono le differenza sostanziali. Nell'arredamento classico il legno, spece quello di ciliegio o noce, è predominate, mentre in quello moderno ci sono alluminio e laminati per evitare una continua manutenzione. Riguardo alle stoffe, velluto e seta per il classico, utilizzate anche per rivestire divani, sedie e realizzare tendaggi o tappezzeria in generale. Il moderno utilizza perlopiù materiali sintetici e lavabili, non vengono usate stoffe per i divani ma la pelle. Se i tendaggio sono di tessuto utilizzano un colore neutro. I colori del classico sono quelli del legno, del cotto e della pietra per i pavimenti, le pareti sono neutre o al massimo hanno dei colori pastello neutro. Il moderno ha sicuramente dei colori leggeri. Riguardo al soggiorno, quello classico è ricco di intarsi, decorazioni e legno in prevalenza, è caratterizzato poi da vetrine per l'esposizione di soprammobili e i divani sono ricoperti di velluto o di raso. 

Per saperne di più clicca qui: http://www.locaserve.com/guide/arredamento-classico-o-moderno-ecco-le-differenze

Federico Bianchi Falchi

Il divano è l'elemento più importante del nostro soggiorno, trovare quello più adatto è fondamentale.
Conoscere le caratteristiche principali e le tipologie dei prodotti in commercio è indispensabile per una scelta consapevole, ma prima di questo si devono progettare gli spazi della stanza definendo le aree che saranno occupate e quelle libere per il passaggio. 
Successivamente si definisce quale funzione avrà il divano all'interno del nostro soggiorno, sarà usato quotidianamente e per molte ore? In questo caso sarà necessario trovare un buon compromesso tra la comodità e l’estetica.
Dovrà essere utilizzato anche come posto letto? Ecco che dovremo cercare tra i modelli che presentano l’apposito meccanismo di trasformazione.

http://www.locaserve.com/guide/come-scegliere-il-divano-giusto

Abbonamento a RSS - divano